Bando “Reattivi contro il COVID” – Lombardia

L’agevolazione consiste nella concessione di un contributo a fondo perduto pari al 75% per la riconversione e l’ampliamento di attività produttive per la produzione di dispositivi di protezione individuale (DPI) e dispositivi medici (DM) per gestire l’emergenza sanitaria Covid19.

Nello specifico rientrano gli investimenti produttivi che prevedono:

  • l’ampliamento della capacità delle medesime unità produttive già adibite alla produzione di dispositivi medici(DM) o anche di dispositivi di protezione individuale (DPI);
  • la riconversione delle unità produttive finalizzata alla produzione di dispositivi medici, di mascherine chirurgiche ai sensi degli artt. 15 e 16 del D.L 18/2020 e di dispositivi di protezione individuale.

Tale ampliamento (o riconversione) deve essere orientato alla produzione di dispositivi di cui all’Allegato B “Elenco DPI e DM”, parte integrante del Bando.

Ciascuna Impresa potrà presentare una sola domanda per una sola tipologia di investimento (ampliamento o riconversione dell’attività produttiva) e per una sola macrotipologia di dispositivi (DPI o DM). La domanda potrà altresì riguardare la produzione di più dispositivi appartenenti alla stessa macrotipologia.

Possono beneficiarne le MPMI (Micro Piccole Medie Imprese) aventi almeno una sede operativa o un’unità locale in Lombardia, che svolgono l’attività come imprese manifatturiere o artigiane (codice ATECO C), quest’ultime iscritte alla sezione speciale del Registro Imprese delle Camere di Commercio.

La dotazione finanziaria messa a disposizione è pari € 10.000.000 da suddividersi tra le due macrotipologie di dispositivi nella seguente misura:

  • € 8.500.000 per i Dispositivi di Protezione Individuali (DPI);
  • € 1.500.000 per i Dispositivi Medici (DM);

Eventuali risorse residue su una delle dotazioni specifiche DPI e DM alla chiusura dello sportello saranno riutilizzate per eventuali domande ammissibili relative all’altra linea, ma non ancora finanziate per esaurimento delle risorse.

Il contributo è concesso nel limite massimo di 500.000 euro con l’inquadramento nel Regime di Aiuti Quadro Temporaneo.

Si articola secondo la seguente gradualità:

  • fino a 500.000 euro se l’investimento si completa e si avvia la produzione entro 30 giorni dalla data di pubblicazione del Bando
  • fino a 400.000 euro se l’investimento si completa e si avvia la produzione entro 60 giorni dalla data di pubblicazione del Bando
  • fino a 300.000 euro se l’investimento si completa e si avvia la produzione entro 90 giorni dalla data di pubblicazione del Bando.

L’investimento minimo è fissato in 40.000 € (di spese ammissibili).

L’impresa dovrà presentare richiesta di contributo esclusivamente dopo aver effettuato l’investimento, ultimato i lavori di installazione e avviata la produzione, allegando i relativi giustificativi di spesa quietanzati.

Sono agevolabili le spese sostenute prima della presentazione della domanda, a decorrere dall’8 marzo 2020. L’erogazione avverrà in un’unica soluzione a saldo, previa verifica della documentazione presentata.

Sarà possibile presentare domanda, previa registrazione sulla piattaforma informativa Bandi on line, entro il 13 Novembre 2020.

Potrebbe interessarti anche: CCIAA di Pavia bando voucher digitali